Come scegliere la cucina nuova /

Scegliere la cucina nuova è sempre un evento impegnativo ma anche molto emozionante, soprattutto per chi la vive e utilizza quotidianamente. La cucina è il cuore della casa dove si trascorre più tempo, ma anche il luogo dell’efficienza, dove anche chi è sempre di corsa può cucinare senza impazzire. Per tutte queste ragioni quando ci si accinge ad acquistare una nuova cucina ci sono un’infinità di aspetti da considerare e fortunatamente il più delle volte un esperto, un arredatore o un rivenditore vengono in nostro soccorso. Tuttavia credo sia comunque utile fare una breve check list delle cose essenziali da considerare quando si arreda la cucina per aiutarti nella scelta.

Di seguito ho identificato le 5 cose da fare prima di acquistare una cucina

  1. Altezza, lunghezza e profondità. Conoscere le dimensioni della stanza e le misure dello spazio da utilizzare è fondamentale per definire il quadro delle possibilità a tua disposizione. Non sempre quello che abbiamo in mente è realizzabile, per cui è bene partire subito dai numeri.
  2. Lineare, a “U”, con isola, …. Lo schema compositivo della nuova cucina dipende essenzialmente dalle dimensioni della stanza. Quando ti accingi a scegliere la tua composizione è importante che consideri anche la distanza tra i vari elementi e verifichi che ci sia spazio sufficiente per il passaggio e per l’apertura delle ante. La cucina in quanto spazio di lavoro dovrebbe rispondere ai principi dell’ergonomia e sintetizzare funzionalità ed estetica. In estrema sintesi: per gli spazi ridotti sono consigliabili le cucine lineari, mentre per chi non ha la sala da pranzo, la cucina ad angolo o con penisola (se è un open space con zona living) possono essere l’alternativa migliore. Infine, per chi ha a disposizione ambienti ampi li può valorizzare con una cucina ad “U” o con isola.
  3. Dekton, okite, marmo, ... I materiali utilizzati per le cucine sono molti ed ogni anno si aggiungono nuove tecnologie e finiture volte a migliorarne la prestazione. Esaminare le infinite possibilità per ricoprire le superfici della cucina richiederebbe almeno altri tre articoli, per cui qui ci limitiamo a ricordarvi di non scegliere solo esclusivamente con gli occhi e con il portafoglio, ma di considerare anche il tempo. La cucina non si cambia ogni anno per cui scegliere materiali di bassa qualità può comportare problemi di infiltrazione dell’acqua, sensibilità alle fonti di calore e ai detergenti.
  4. Barra sottopensile. I dettagli fanno la differenza in una cucina, e il sottopensile è uno di questi. Partiamo con lo scardinare l’idea che il sottopensile si esaurisca in una barra fissata alla parete. In realtà esistono diverse tipologie che rispondono ad esigenze differenti. Damiano Latini ad esempio ha realizzato Hang Lux, un nuovo sistema sottopensile da cucina sospeso tra pensile e top, con luce LED Integrata. Hang ed Hang Lux sono stati progettati per ottimizzare gli spazi in cucina sfruttando le verticalità e soddisfano le esigenze di coloro che hanno uno schienale di un materiale pregiato o difficile da lavorare e non vogliono rischiare di rovinarlo.
  5. Led, faretti, lampade a sospensione, …La luce è ciò che rende un ambiente vivo e capace di emozionare, è come il rosmarino nel G&T, le lucciole una sera d’estate, una barca in mezzo al mare. Per ricreare l’atmosfera desiderata non dimenticate di integrare il progetto della cucina con un progetto illuminotecnico ad hoc.

Per maggiori informazioni sui sottopensili da cucina e le varie soluzioni possibili, contattaci qui.

Tagged with: Progetti

Previous Post Next Post

0 Commenti

Non ci sono commenti ancora, fai il primo!

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima della pubblicazione