Le origini dell’Open Space: dalla tradizione alla collettività /

Ormai da anni si sta facendo strada nella costruzione e nell’arredamento della casa la filosofia dell’open space: spazi grandi, aperti e luminosi, che favoriscono la socialità e la condivisione. Ben diverso dalla cultura dell’abitare precedente, che prevedeva una zona diversa e nettamente separata per ogni funzione che vi si svolgeva all’interno, questo nuovo pensiero è iniziato ad insediarsi nella mente degli architetti e degli interior design grazie al radicale cambiamento delle abitudini delle persone. Per chi ama una casa moderna ormai avere uno spazio open space, dove poter unire cucina e soggiorno, è diventato un must. Ma progettarlo non è mica un gioco da ragazzi. Unire infatti tutte quelle azioni che si facevano in spazi distinti in un’unica sola grande stanza è un lavoro che richiede cura, attenzione e un grande sforzo di progettazione. Non basta buttare giù un muro, bisogna prendere decisioni ponderate e funzionali per poter ottenere il risultato che abbiamo sempre sognato. E il perché te lo spiego subito!

Partiamo dall'arredamento della cucina

Le case di un tempo venivano costruite basandosi sulla concezione di una cucina “di servizio” che doveva essere quindi usata solo dalla “massaia di casa”. Era un posto da tenere nascosto agli ospiti, che si recavano invece nella sala da pranzo, arredata proprio con lo scopo di accogliere le persone con una bella e grande tavola imbandita, un buffet e contro-buffet. Con l’avvento dei media, la cucina è diventata più “social”, e si è trasformata da una zona adibita alla preparazione dei pasti ad una più conviviale, dove scambiare ricette e cucinare insieme. Passando da una connotazione tradizionale ad una più collettiva, questa stanza diventa quindi un luogo non solo da mostrare ma anche da vivere, dove passare momenti di qualità insieme alla famiglia e agli amici. Ovviamente la sua funzione è ben diversa da quella del soggiorno e della sala da pranzo, e per questo è importante integrarla in un ambiente open space mantenendo una sorta di separazione. Aggiungere un’isola o una penisola, ad esempio, è un’ottima idea per definire nettamente gli spazi dedicati alla cucina, e inoltre la si può arredare con accessori funzionali come Hang Top per donarle un aspetto più moderno. Anche il concetto di arredamento per la cucina è nuovo, perché passando dalla concezione di cucina “di servizio” a quella “collettiva”, e quindi di uno spazio che sia accogliente ed esteticamente bello da mostrare proprio come un salotto, occorre cercare gli accessori giusti in linea con lo stile di tutta la casa.

Un pizzico di soggiorno e un tocco di sala da pranzo

Cosa si può fare in un salotto che non si può fare nella sala da pranzo? Nulla, o quasi. Parlando sempre del passato, la sala da pranzo era un luogo dove ricevere ospiti importanti e ammaliarli con un sontuoso banchetto, mentre il soggiorno era adibito ai momenti di conversazione, una zona dove poter fare quattro chiacchiere sorseggiando un the o un caffè. Essendo due zone dedicate agli ospiti, quando non si invitava nessuno in casa queste due stanze rimanevano chiuse e vuote, nonostante fossero le due sale più importanti della casa, quelle da poter sfoggiare al pubblico e quindi da arredare al meglio. Nell’open space perciò è normale che le due uniche zone dedicate nel passato all’accoglienza e alla conversazione si uniscano a formare un’unica grande zona dove poter chiacchierare animatamente e guardare la tv, un elemento che ha cambiato radicalmente il modo di vivere entrambe le stanze. Unire sala da pranzo e soggiorno, quindi, è funzionale non solo per l’ampliamento dello spazio, ma anche per l’aumento delle sedute nel caso si ricevano a casa molti ospiti. Vedere credenze e pareti attrezzate come Giostra-C reggere sia bicchieri e calici sia libri e souvenir insieme non solo diventa usuale, ma anche molto pratico poiché così facendo si salva molto spazio. E se si sente proprio la necessità di distinguere le due zone, si può sempre optare per l’installazione di una parete divisoria come Vertical-Line, lei divide ma non separa!

Tagged with: Lifestyle

Previous Post Next Post

0 Commenti

Non ci sono commenti ancora, fai il primo!

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima della pubblicazione