Scopriamo come arredare in stile Boho Chic /

Spesso si sente parlare di stile boho chic in ambiti disparati dalla moda, all’arredamento, ai matrimoni. Ti sei mai chiesto cosa si intenda per boho chic? Come si arreda una casa secondo questo stile?

Il termine “boho” sta per “bohèmien”, tuttavia non racchiude in sé solo ed esclusivamente lo spirito gitano di metà 1800, ma accoglie anche echi hippie e note dal sapore d’oriente. Nonostante affondi le radici nel XIX secolo, il boho chic si è affermato agli inizi degli anni 2000 e continua ancora ad essere uno stile di riferimento per la moda e l’arredamento.

Possiamo dunque affermare che la prima regola del boho chic è non avere regole, è lo stile anticonformista per eccellenza, aperto alle contaminazioni, ed è assolutamente libertario. Chiunque decida di arredare casa secondo questo stile non ha delle linee guida da seguire ma è libero di esprimersi attraverso la scelta di oggetti, tessuti, mobili e accessori provenienti da culture differenti. 

Nonostante l’assoluta libertà di espressione tipica del boho chic, possiamo comunque individuare delle caratteristiche che lo contraddistinguono come tale. Prima fra tutte è la centralità del colore, che si afferma con la scelta di tinte brillanti e decise, una palette di colori dall’atmosfera calda quali il giallo, il fucsia e il verde petrolio. Il tripudio di colori prende forma soprattutto attraverso i tessuti, che assumono un ruolo decorativo fondamentale, tessuti patchwork per cuscini e coperte ed imbottiture colorate per poltrone e divani.

Altro elemento caratterizzante è la predilezione per i materiali naturali quali il legno, la corteccia e i vimini, per cui via libera a complementi d’arredo tipo cesti, sedie peacock, e mobili in legno.  Tra i materiali più usati spiccano anche le ceramiche, piastrelle multicolore per il bagno e la cucina e i tessuti come accennato sopra.

Infine, non dobbiamo dimenticare che alla base dell’arredo in stile boho chic c’è il gusto per il vintage, i vecchi mobili vengono recuperati, si riutilizzano pezzi di seconda mano, si mescolano interni moderni con elementi dalle linee anni ’60 e ’70 proprio per spezzare la monotonia del design moderno con mobili eclettici che appartengono a un mondo lontano.

Se ti è piaciuto quest’articolo e vuoi saperne di più su Damiano Latini, seguici su Facebook e Instagram.

Tagged with: Lifestyle

Previous Post Next Post

0 Commenti

Non ci sono commenti ancora, fai il primo!

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima della pubblicazione