Quando ricorrere a una parete divisoria? /

Alzi la mano chi non ha mai fatto una partita a Risiko? Ristrutturare una casa è proprio come una partita di Risiko, in cui vince la strategia migliore per utilizzare in modo efficiente tutto lo spazio a disposizione.  Perché iniziare questa battaglia? Molte sono le ragioni, perché la famiglia cresce, perché è necessario uno studio/ufficio, perché i bambini sono diventati adolescenti e hanno bisogno dei propri spazi, o semplicemente perché si ha voglia di cambiamento. L’importante è che non ti lasci sopraffare dai dubbi e dai “questo non si può fare” ma prima di iniziare fermati a pensare alla soluzione più rapida e semplice da attuare.

Probabilmente ti accorgerai che una semplice parete divisoria può essere la soluzione a tutti tuoi problemi, perché facile da attuare, non implica modifiche invasive come la costruzione di pareti, è temporanea, ovvero la puoi rimuovere facilmente in qualsiasi momento.

La parete divisoria può servire a scopi differenti, quali dividere un open space in ambienti più piccoli e intimi, oppure per ottimizzare lo spazio a disposizione in un ambiente già piccolo come un monolocale.

Esistono anche diverse tipologie di pareti divisorie, esempio: pannelli divisori trasparenti o semi trasparenti, con intelaiatura a vista, mobili con una struttura scorrevole, strutture bifacciali e librerie freestanding.

Quest’ultime molto spesso si rivelano la soluzione migliore perché non solo permettono di separare due ambienti ma li arredano anche e inoltre sono mobili e facili da montare e smontare. Ad esempio le soluzioni bifacciali Giostra e Vertical Line funzionano come librerie freestanding divisorie per cui separano e arredano contemporaneamente. Inoltre, Giostra se personalizzata con accessori ad hoc può diventare un complemento d’arredo per la cucina o per la camera da letto. Infatti, alla struttura bifacciale si possono agganciare una serie di accessori quali ganci portautensili, appendiabiti, specchi, cassetti e contenitori a seconda delle necessità.

Per maggiori informazioni sulle pareti divisorie e come impiegarle contattaci qui.

Taggato con: Progetti

Precedenti Successivi

0 Commenti

Non ci sono commenti ancora, fai il primo!

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima della pubblicazione