Come arredare case di piccole dimensioni /

Abitare in case o appartamenti di 30, 40, 50 mq, sia per scelta sia per necessità, pone molte sfide e vincoli cui sottostare per poter arredare. In questo articolo troverai delle best practice da seguire per arredare piccoli spazi in modo intelligente, giocando con i colori e la luce per creare un ambiente piacevole e confortevole.

Partiamo dai colori, le scelte cromatiche hanno un forte impatto sull’ambiente che si desidera arredare. In generale il bianco e le tinte neutre aiutano ad ampliare gli spazi e donano luminosità alla stanza. La continuità cromatica tra diverse pareti o tra le pareti e il pavimento, è un altro trucco utilizzato per amplificare gli spazi. Se desideri allargare la stanza, il trucco è scegliere una tinta chiara per il pavimento e le pareti laterali, un colore scuro per soffitto e parete frontale. Se invece vuoi ridurre l’effetto claustrofobico, puoi dipingi il soffitto di bianco così la stanza sembrerà più alta.  In alcuni ambienti della casa, puoi anche optare per una carta da parati in stile trompe l’oeil che dona profondità e prospettiva, magari da alternare a pareti chiare e a tinta unita. Negli ultimi anni la carta da parati è ritornata molto in voga e ormai ce ne sono tantissime e fatte molto bene, con disegni e motivi moderni.

La luce è l’altro elemento chiave, necessaria conseguenza anche della scelta dei colori. La luminosità alleggerisce l’ambiente e lo fa sembrare naturalmente più ampio, per far entrare quanta più luce possibile, è necessario sfruttare al massimo il vetro e le finestre. La realizzazione di finestre grandi o dove possibile avere intere pareti in vetro è un’ottima soluzione per far entrare luce naturale in casa e aprire all’esterno creando continuità con l’interno.

Ricordati, inoltre, che “Less is More”, ovvero soprattutto quando lo spazio è limitato, è fondamentale ridurre il numero di oggetti e di complementi d’arredo che possono rendere l’ambiente asfissiante. Questo concetto ha diverse applicazioni, sia a livello macro della struttura della casa stessa, sia a livello micro della scelta dell’arredamento. Di conseguenza è preferibile eliminare una parete piuttosto che aggiungerla e creare piccoli spazi di fatto inutilizzabili. Gli open space, invece da un lato ti aiutano ad ottimizzare gli spazi che altrimenti sarebbero erosi da muri e porte, e dall’altra contribuiscono a creare ambienti aperti, leggeri e luminosi. In sostituzione alle pareti puoi far riferimento a strutture e librerie divisorie bifacciali che ti consentono di separare due ambienti e di arredarli. Ad esempio la struttura divisoria Giostra, personalizzabile con vari accessori a seconda delle necessità, non solo organizza gli spazi ma ti consente anche di arredarli sostituendo molteplici complementi d’arredo. L’impiego di mobili multifunzionali e possibilmente dal design minimal, è fondamentale per evitare di avere una casa pesante ed eccessivamente affollata di oggetti.

Infine, non dimenticarti di sfruttare gli specchi, che oltre ad essere dei complementi di arredo altamente decorativi, se utilizzati correttamente aiutano a dare profondità alla stanza. A questo scopo è utile posizionarli in alto oppure se ne hai la possibilità, crea un’intera parete a specchio per raddoppiare le dimensioni della stanza.

Per ricevere aggiornamenti su nuovi articoli del nostro blog, continuate a seguirci sui social Facebook e Instagram.

Tagged with: Idee per arredare

Previous Post Next Post

0 Commenti

Non ci sono commenti ancora, fai il primo!

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima della pubblicazione